21.11.05

La vera opzione laica siamo noi

Articolo di Marco Taradash per la rivista telematica www.laici.it

I radicali hanno sempre avuto la ventura di essere considerati di destra dalla sinistra e di sinistra dalla destra. Ricordo il mio primo incontro con un massimo dirigente comunista di allora e di oggi. Lo intervistai per la rivista cui collaboravo, poi gli portai il testo per la revisione. Lo soppesò, alzò il sopracciglio, e mi disse: “Strano, è corretta” – “Perché strano?” - “So che sei un radicale, e i radicali sono pagati dal Mossad per fare danno ai comunisti. Non lo dirò mai pubblicamente ma questa è la mia convinzione”.
Erano gli anni Ottanta, e tanta acqua è passata sotto i ponti, a sinistra come a destra. Ma dubito che Buttiglione, ancora oggi, non consideri i radicali, anche quelli che si schiereranno col centrodestra, pericolose quinte colonne della sinistra.
In realtà i radicali, e i liberali in genere, hanno un’idea della frattura destra-sinistra molto poco ideologica. Stare a destra o a sinistra è un’opzione storica e politica, dipende dalla dinamica dei fluidi ideologici: a destra contro il comunismo, a sinistra contro il fascismo e così via.
Oggi però, per fortuna, le scelte sono più complicate. Se fosse vero –come pensava Bobbio- che porre l’accento sulla libertà individuale è di destra mentre avere come priorità l’uguaglianza è di sinistra, la partita sarebbe chiusa: i liberali non sono disposti a transigere sulla libertà, e sono convinti che dalla sua limitazione non nascerà nulla di buono e duraturo.
In realtà le scelte politiche sono meno sofisticate: oggi in Europa dobbiamo scegliere fra Blair e Zapatero (due di “sinistra”) non fra Zapatero e Chirac. E in Italia fra Cdl e Unione, vale a dire fra due coalizioni composite e spesso confuse, e valutarne le conseguenze su tanti diversi piani, sommando i pro e i contro di una scelta e dell’altra.
Personalmente, insieme a Benedetto Della Vedova, Peppino Calderisi, Carmelo Palma e tanti altri che hanno una storia radicale o liberale ho deciso di dar vita ai Riformatori Liberali per creare una opzione laica, liberale, radicale, riformista nel Centrodestra perchè sono convinto che da un governo di Centrosinistra avremmo risposte conservatrici e illiberali su tutte le questioni di fondo.
Prima fra tutte la collocazione internazionale: le tre B tanto vituperate (Bush, Blair e Berlusconi) hanno dato una risposta forte e coraggiosa non solo al terrorismo internazionale ma anche alla vera sfida del XXI secolo. Quella che Natan Sharansky – a proposito, anche lui, una grande personalità liberale tacciata da estremista di destra, come Mario Vargas Llosa in America latina – riassume nel dualismo fra Stati della libertà e Stati della paura. Punire i dittatori, “esportare” la democrazia, lasciar germogliare i diritti civili, la libertà di espressione, di stampa, di religione dove oggi sembra impossibile possano attecchire; questa è l’unica risposta efficace contro il terrorismo. Libertà e sicurezza vanno di pari passo, è illusorio perseguire la seconda senza promuovere la prima.
Prodi, Rutelli, Fassino che ne pensano (e non cito gli altri)? Dipende dai giorni, mi è parso di capire: nei dì di festa, come quello delle elezioni irachene, concordano con Bush, il resto del mese con se stessi e con la conservazione pacifista delle dittature. In economia? La legge Biagi? E’ “macelleria sociale” anche se la disoccupazione si è ridotta a livelli sconosciuti in altre grandi nazioni europee di “mercato sociale” (e il 90% degli occupati in Italia – ho letto - ha il “posto fisso”). Nelle istituzioni? Il premier forte è il loro incubo (e infatti nella scorsa legislatura ne hanno cambiati tre) anche se concordano che nessun governo è possibile in mezzo ai litigi fra le delegazioni di partito. Il federalismo? E’ dissolution se lo vota il centrodestra, anche se la devolution produrrà invece la ricomposizione di uno stato frantumato dalla riforma costituzioale del centrosinistra. La giustizia? Tocchiamo ferro e speriamo di sfuggire ai ferri. La polizia? Si agitano le piazze quando si è all’opposizione, i manganelli quando si governa. La scuola? “Scuola pubblica, scuola pubblica, scuola pubblica” scandisce tra gli applausi il leader unionista più “laico e liberale e socialista”. Scuola libera, buono scuola, diciamo invece noi cui piace la riforma di Tony Blair.
Il centrodestra è la soluzione dei mali del nostro paese? Figuriamoci. Sulla giustizia riforme a metà e tanta roba pro domo; sui licei si completa la controriforma Berlinguer, sull’Università ci si ferma a mezza strada; si cerca di restituire dignità e responsabilità al premier ma si cede sulla proporzionale. Eccetera. Ma, a parte le questioni etiche (ricordo però che, sulla fecondazione assistita, fra il 1996 e il 2001 dovemmo, in pochi, imbastire un’opposizione durissima alla Camera e al Senato contro una maggioranza bipartisan che puntava nella stessa direzione poi presa dal centrodestra) l’accusa che possiamo rivolgere al governo Berlusconi è di essersi spesso dimostrato incerto, lento, indecisionista nell’attuazione del suo programma.
Che però è, in larga misura, un programma liberale, così come i suoi elettori sono, in larga misura, sostenitori di soluzioni liberali. Mi paiono insomma l’antiamericanismo, il giustizialismo, il conservatorismo sociale e istituzionale della sinistra da un lato, le carenze e le incongruenze del centrodestra dall’altro, entrambi buoni motivi per riattivare l’organizzazione di una forza politica di ispirazione liberale e determinazione radicale. E per chiedere a chi ci legge di aiutarci a costruirla, da subito, attraverso gli strumenti che offrono il nostro sito www.riformatoriliberali.org e la prima assemblea nazionale del movimento che si svolgerà a Roma mercoledì 30 novembre dalle 10 alle 18 allo Spazio Etoile, San Lorenzo in Lucina 41. Interverrà Berlusconi. Vi aspettiamo.

5 Comments:

Blogger Phastidio said...

Manifesto esemplare. Non potrò partecipare all'assemblea del 30, ma sto lavorando per il vostro/nostro progetto.

9:33 PM  
Anonymous esperimento said...

Davvero molto interessante!
E' un po' in pratica il gemello opposto della "rosa nel pugno"?

12:55 PM  
Blogger John Christian Falkenberg said...

Purtroppoo non potro' partecipare all'asemblea del 30, ma spero di poter dare un contributo in seguito!
Complimenti, avanti cosi'

2:32 PM  
Blogger Il Megafono said...

Ottimo articolo, ovviamente.
Tanta gente sta credendo nel vostro/nostro progetto.
Personalmente mi sto dando la fare per la creazione di un circolo a Roma e uno ancora più significativo nella Piana di Gioia Tauro.
Il 30 ci sarò perché credo in questa battaglia liberale contro un centrosinistra conservatore ed estremista.

Domenico Naso
www.ilmegafono.net

4:24 PM  
Anonymous Anonimo said...

nel mio piccolo porterò avanti le idee LIBERALI che ci accomunano...
i hope...bye

2:42 AM  

Posta un commento

<< Home