7.5.06

Recensure - “Il regista di matrimoni” di Marco Bellocchio

Film per cinefili, ma anche, in almeno tre scene, per cinofili. Impianto bunueliano, torsione bergmaniana. Sfida fra la vita e la morte: prevale la morte, ma si ubriaca, malcontenta di sé. Rilettura revisionista dei Promessi Sposi e del Gattopardo: Don Rodrigo è il padre di Lucia, l’Innominato è Manzoni stesso. Il principe di Salina non ha nipoti, ma una Angelica, e non intende cederla alla borghesia. Su tutto grava un’oscura aura di cattolicesimo. La morale è questa: a ognuno sono date molte vite, e noi le viviamo tutte; tranne quella che ci interessa.
Profilo: aristocratico.

3 Comments:

Anonymous KrilliX said...

io, intanto, aspetto il Codice da Vinci. non mi avrete mai al cinema a vedere bellocchio!

9:59 AM  
Anonymous inyqua said...

'a ognuno sono date molte vite, e noi le viviamo tutte; tranne quella che ci interessa'

perbaccolina...allora è da vedere...:-)

6:01 PM  
Blogger aprile said...

certo che ne hai di fegato per commentare con questi toni un film con castellitto...

11:04 AM  

Posta un commento

<< Home