27.4.06

Fermiamo il terrorismo e il coro degli sciacalli

L’ attentato omicida di Nassiriya contro i soldati italiani impegnati nella difesa della libertà degli iracheni è la tragica conferma della determinazione dei gruppi terroristi che si richiamano ala dittatura di Saddam Hussein e di quelli legati alla rete di bin Laden. La violenza che ogni giorno insanguina il territorio iracheno e gli attentati compiuti dai gruppi fondamentalisti islamici in ogni parte del mondo, ultimo l’Egitto, devono trovare una risposta più risoluta da parte della comunità internazionale.

Ogni segnale di debolezza o di pavida acquiescenza nei confronti del premier neo-nazista iraniano Ahmadinejad o della protervia del governo palestinese di Hamas è un ulteriore sostegno alla strategia del terrore islamista, ovunque si manifesti. C’è da augurarsi di non assistere nelle prossime ore nel nostro paese al coro ignobile degli sciacalli intorno ai resti fumanti del convoglio aggredito questa mattina. La richiesta di ritirare subito il contingente italiano in Iraq sarebbe soltanto un modo più ipocrita per esprimere il concetto così ben sintetizzato dallo slogan “uno, dieci, cento Nassiriya”, troppe volte ascoltato nei cortei dell’estrema sinistra.

3 Comments:

Anonymous inyqua said...

Ahimè gli sciacalli già sorvolano il territorio...a parte Rutelli (finora..) gli altri si sono esibiti in dichiarazioni folli...

2:51 PM  
Anonymous zanzara said...

Gli avvoltoi hanno già cominciato a girare.

I nostri soldati sono più in pericolo ora. Le divisioni della sinistra non produrranno altro che incertezza nella nostra politica estera.

10:38 PM  
Anonymous Anonimo said...

Gli avvoltoi sono quelli come Marco, che non sanno un cazzo dell'Iraq e nemmeno lo vogliono sapere,perchè a priori osanna l'operato degli USA.Vai a vivere negli States e lascia agli italiani, quelli che pagano le tasse, giudicare se sono necessari contingenti italiani in Iraq. Giulietto Chiesa ti saluta e ti ricorda di informarti meglio prima di accettare un confronto: bella figura di merda a Matrix, peccato non sia andata in onda in prima serata e solo pochi hanno avuto modo di vedere quanto sei maligno e filoamericano quasi all'ossessione. Ecco un altro "giornalista" che si è messo a 90° per la gloria di Bush.

4:12 PM  

Posta un commento

<< Home