3.3.06

L’Autorità assolve il Tg5, ma di fatto condanna la Rai

L’Autorità per le comunicazioni “assolvendo” il Tg5 per la diretta da Washington ha dato di fatto ragione alla denuncia dei “Riformatori Liberali-Radicali per le Libertà” sulla gravissima omissione compiuta dalla RAI. Viene confermata indirettamente, col richiamo alla “cronaca di un evento di eccezionale rilevanza istituzionale rispondente a primarie esigenze di informazione”, l’inadempienza della Rai rispetto agli obblighi che derivano dal contratto di servizio, grazie al quale la Rai gode del vantaggioso statuto di servizio pubblico e del canone. La Rai non si è evidentemente accorta che la diretta dell’intervento del premier Berlusconi davanti al Congresso Usa rientra nelle prescrizioni dell’art. 3.c, secondo cui la Rai è tenuta a effettuare trasmissioni straordinarie dedicate all’informazione sugli organi istituzionali. Che peccato. Ora aspettiamo il riscatto: una accurata diretta dal prossimo corteo antigovernativo della Cgil (dopo la vittoria del Centrodestra, naturalmente; sennò assisteremo a una bella maratona musicale d’unità nazionalpopolare).

6 Comments:

Anonymous Riccardo Tallarico said...

Quello che non ho proprio compreso è come mai il consiglio di amministrazione della Rai, non abbia preso iniziative in questo senso. E meno male che dovrebbe essere in mano a Berlusconi.
Occorrerebbe essere molto più scaltri... in ogni occasione...

5:08 PM  
Anonymous Elena said...

la Rai è come la Magistratura, ci lavorano degli impiegati pubblici tutti di sinistra. Incapaci, buoni a nulla, lavativi, un pessimo servizio pubblico, privilegi a non finire, lavoro a vita senza ombra di meritocrazia. E la gente continua a pagare il canone per questo schifo. Non andremo mai da nessuna parte in questo paese se qualcuno non si prenderà la briga di cambiare drasticamente le regole del gioco. Non ne possiamo più di queste caste di privilegiati!

4:23 AM  
Blogger il Mazz said...

In RAI vedremo San Remo, l'Isola dei famosi ecc...ormai è talmente sputtanata che non non ha più alcuna possibilità di difesa. Cosa si aspetta a privatizzarla? capisco che il fatto di essere in Italia non agevoli la privatizzazione ma così nella tv di Stato sono veramente patetici!

5:25 AM  
Anonymous Anonimo said...

Marco,
dove sei candidato? Fammi sapere
Giovanni Lombardo
San Donato M.se
giolombardo@gmail.com

1:10 PM  
Blogger il Mazz said...

Scrivo qui perchè non è stato postato alcun nuovo articolo. Scrivo arrabbiato e molto. I liberali in Italia hanno vita dura. A questo punto un povero cristo Repubblicano-liberale cosa vota? Da un lato dove "trombano" DeBenedetti, c'è la "Rosa nel pugno" che però è in una coalizione che vede tra le sue fila i comunisti e i "preti" della peggior specie(Mastella), dall'altro lato i liberali "trombano" i veri liberali, mantenendo forti le alleanze con i fascisti e con i partiti centralisti-conservatori.
Caro Taradash mi dispiace moltissimo per la Sua mancata candidatura, io sono fortunato, vivendo in Emilia posso "pulirmi la coscienza" andando a votare Calderisi. Ma penso che ora come ora prenderei la decisione di astenermi, e dire che il cavaliere nell'ultimo mese aveva fatto i miracoli facendomi prendere la decisione di andare alle urne!

7:54 PM  
Anonymous ZonaFranca said...

Rainews24 ha trasmesso per intero e in diretta il discorso di Berlusconi al Congresso, come ha trasmesso quello di Prodi. D'accordo che lei è di parte ma alterare la realtà delle cose non è una buona cosa, mai.

Riguardo a quanto successo ai RL dico solo che questo è il risultato dell'essersi fidati di un doppiogiochista, falso e bugiardo come Berlusconi, che di liberare e libertario non ha nulla.

1:40 AM  

Posta un commento

<< Home